Abbronzatura

Abbronzatura oggi significa salute, benessere e sport.

Questa tendenza è iniziata quando le donne in spiaggia hanno iniziato a sbarazzarsi di ombrelli, veli, calze e sole ingombranti. Tutto iniziò nel 1923, quando Coco Chanel, di ritorno a Parigi dopo una vacanza in Costa Azzurra, fu notata da tutti per la sua abbronzatura dorata. Era la fine dell'era della pelle femminile bianca come la neve, tanto decantata dai poeti del Dolce Stil Novo e del Carducci.

Dal tempo degli antichi romani, l'abbronzatura connota i plebei, che lavoravano tutto il giorno all'aperto. Chanel aveva probabilmente sentito parlare dell'elioterapia, diffusasi in Germania alla fine dell'800, e diventata una moda dopo il 1918, nel periodo della prima guerra mondiale, quando la gente voleva prendersi cura di sé, tornare in contatto con la natura.

Negli anni 30, l'abbronzatura doveva essere dolce e consistente; le lampade solari, create nel 1910 per scopi medici, iniziarono ad essere utilizzate per scopi cosmetici. A poco a poco, l'abbronzatura cominciò a simboleggiare la ricchezza e la vacanza, e doveva essere mostrata tutto l'anno.

Durante gli anni 70, l'abbronzatura-mania raggiunse il punto più alto: il gusto estetico era cambiato, la gente aveva cominciato ad avere uno stile di vita più sportivo e a cercare il contatto con la natura.

Al giorno d'oggi, la tendenza dell'abbronzatura è ancora qui, ma la ricerca medica l'ha sicuramente messa in ombra, e ha introdotto nuovi modelli di corpo e di comportamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

it_ITItalian