Il parere dell'esperto: Sandeep Agarwal

Il mondo della moda sta cambiando. Vogliamo capire come, e stiamo parlando con alcune persone che, in un modo o nell'altro, lo vivono. Oggi è il turno di Sandeep Agarwal, un professionista dell'industria del denim e redattore di www.denimsandjeans.com

Sandeep è nell'industria tessile da 16 anni. Dal 1993 ha viaggiato in tutto il mondo su vari incarichi di marketing. Profondamente coinvolto nel settore Internet imprese e attività, nel 2007 ha fondato il suo blog, dove condivide molti articoli informativi, argomenti e analisi delle tendenze che hanno aiutato molte persone a ottenere tutte le informazioni relative al denim.

Ciao Sandeep, ti dispiace dirci qualcosa su chi sei e cosa fai?

Ciao, sono solo un amante del denim che è stato associato a questo prodotto per oltre 20 anni. Cerco di condividere le informazioni sul denim con il mondo attraverso il nostro sito Denimsandjeans.com e cerco anche di riunire l'industria attraverso i nostri spettacoli sul denim in Bangladesh. Stranamente, nella mia carriera di oltre 2 decenni, la maggior parte del tempo sono stato associato al denim. Penso che questo sia il destino! Spero di poter contribuire ancora di più all'industria facendo emergere nuove piattaforme che permettano all'industria di crescere ulteriormente.

Sei davvero un conoscitore e un esperto del mondo del Denim: come ci sei arrivato?

In realtà non sono un intenditore. Sono solo uno che impara. Sto ancora imparando e spero di imparare nuove cose sul denim ogni giorno! Il denim è in continua evoluzione e nessuno può dire di sapere tutto sul denim. Ho iniziato la mia carriera nel denim nel 1993 e dopo aver lavorato per molti anni in aziende di denim ho deciso di mettermi in proprio. Facendo ricerche sul denim su internet, non sono riuscita a trovare molte informazioni e ho deciso di mettere tutto quello che sapevo su un piccolo blog. Questo blog - Denimsandjeans.com - ha cominciato ad essere apprezzato e ha iniziato a crescere. Oggi è un portale completo ed è letto da appassionati di tutto il mondo.

Come si è evoluto il concetto di "un paio di blue jeans" nell'ultimo decennio?

Nell'ultimo decennio, un cambiamento fondamentale ha avuto luogo in come guardiamo e utilizzare denim. Il denim era un prodotto con costruzioni di base in 2/1 e 3/1 e l'uso finale era principalmente l'abbigliamento casual e alcuni abiti da lavoro. Tuttavia, il denim si è evoluto nel corso del decennio con nuove tecnologie che hanno contribuito alla sua mutazione in un abbigliamento sportivo, atletico, di moda e per tutte le stagioni! Il denim ha molteplici dimensioni e si rivolge alla maggior parte dei segmenti dell'abbigliamento - cosa che non è possibile per la maggior parte dei capi d'abbigliamento. È una portata molto invidiabile che il denim ha ora e comprende nel suo ambito da un bambino di 1 mese a un uomo di 100 anni!

Cos'è la moda per te?

La moda per me è esprimere la tua identità, mostrare a qualcuno chi sei attraverso le tue scelte di moda, e usare i tuoi vestiti per dire a qualcuno qualcosa di te.

Le tendenze della moda hanno una grande influenza sul denim. Come le tendenze della moda stanno influenzando questo mondo?

Le tendenze della moda in tutto il mondo vengono assorbite dal denim. Il denim, infatti, sta mutando ed evolvendo mentre assorbe le influenze delle tendenze della moda, non solo nell'abbigliamento ma in tutti i settori. Da tessuto rigido, il denim è ora oltre 70% stretch - un'influenza dell'activewear e dei costumi da bagno. L'influenza dell'industria della maglieria ha permesso al denim di evolversi come denim Jersey. L'industria high tech sta ora lanciando il suo incantesimo e presto vedremo arrivare i denim hi-tech! La lista è infinita.

Abbiamo seguito il lavoro di molti designer e abbiamo notato che sempre più spesso ci sono stampe colorate, rivestimenti e applicazioni varie sui tessuti denim. Il mondo del denim è ancora principalmente un "zona blu"?

Il denim rimane principalmente blu! Qualunque siano i colori che possiamo vedere in giro per un po' di tempo, i neri che dominano in alcune stagioni, i grigi che sembrano cool, le stampe che diventano popolari - ma rimane il fatto che il denim è BLU. Le variazioni del blu sono ancora la parte più grande del mondo del denim e i colori e le stampe occupano ancora un piccolo angolo. Essenzialmente è solo nel blu e nelle relative variazioni che il denim ottiene la sua naturale personalità!

Durante l'ultima edizione di Denim PV a Barcellonaabbiamo trovato molto interesse per Replay "Hyperskin" sviluppato da ISKO. Dal punto di vista del marketing, Replay è percepito come il primo a proporre questo tipo di tessuto, ma vediamo anche che quasi tutti i produttori di denim hanno già sviluppato qualcosa di simile. La domanda è: stiamo ancora parlando di denim o questo è uno "spin off"?

Quando gli skinny fit sono decollati, la maggior parte ha pensato che fosse una moda passeggera. Quando sono arrivati i denim Knit, ancora non sembrava una scommessa a lungo termine. Ora, con i jeans super elasticizzati, possiamo di nuovo scegliere di essere compiacenti. Ma la verità è che i consumatori chiedono più comfort e il denim deve andare in quella direzione. Inoltre è nell'interesse dell'industria del denim che vediamo questi movimenti. Altrimenti sarà davvero difficile crescere. Non credo che a breve termine vedremo un'inversione di queste tendenze.

Dai "minatori" dei primi pantaloni Levi's alla sessione in palestra dei pantaloni iperallungati Replay: è questa l'evoluzione del Denim? Quale sarà il prossimo passo, secondo voi?

Penso che sia un'evoluzione costante. Anche pochi anni fa non potevamo immaginare pantaloni iperallungati con un'elasticità di 100%. Penso che lo sviluppo delle fibre e gli sviluppi del finissaggio continueranno a giocare un grande ruolo nel dare l'avanzamento tecnologico all'evoluzione del denim. Stiamo già guardando la combinazione di fibre e tecniche di finitura che creano alcuni grandi denim. Un'altra direzione sarebbe la sostenibilità, dove gran parte dei processi di produzione saranno lentamente costretti ad essere sostenibili. Una cosa è certa: il denim continuerà ad evolversi e nessuno potrà fermarlo!

In novembre abbiamo avuto ITMA a Milano. Secondo lei, quale innovazione nella tecnica o nei macchinari ha trovato più interessante per la produzione Denim?

Abbiamo visto alcune tecniche molto innovative sviluppate da diversi produttori di macchinari. Alcuni lanci molto interessanti sono stati il No-Stone di Tonello e Zero Contamination di Jeanologia. Entrambe queste tecnologie hanno grandi possibilità di contribuire a ridurre l'impatto ambientale.

Se dovesse produrre un paio di jeans molto innovativi, quale dovrebbe essere il suo punto di partenza? 

Essendo fondamentalmente una persona di tessuto, per me la qualità del tessuto è molto importante. Ho bisogno di vedere qual è la vera qualità del tessuto (e non quello che sembra a causa del lavaggio). Poi viene la vestibilità e l'aspetto lavato. Normalmente non voglio jeans molto lavati e preferisco i look scuri, specialmente i denim grezzi.

Molti pensano che il mondo del Denim sia ancora molto conservatore e che l'unica innovazione possibile sia nei macchinari e nel processo produttivo. Sei d'accordo?

Questo è completamente falso. Il denim è l'abbigliamento più innovativo del mondo. L'innovazione parte dalle fattorie, va ad ogni processo di produzione, compresi tutti i tipi di macchinari. Le abilità umane fanno una grande differenza nella produzione di tessuti e indumenti. Gli stessi macchinari possono dare risultati completamente diversi solo grazie all'innovazione applicata dall'uomo, sia nella tintura, nella tessitura, nel finissaggio o nelle fasi di lavaggio. Inoltre un'enorme differenza può essere fatta da un designer che disegna i jeans. Abbiamo visto stili interessanti arricchiti da finiture e abbellimenti che cambiano l'intero aspetto del capo denim.

La sostenibilità è diventata un argomento rilevante. Come viene percepita la sostenibilità nella produzione di un paio di jeans dall'utente finale, secondo lei? 

Attualmente credo che l'utente sia ancora confuso su cosa sia la sostenibilità. Non molti consumatori capiscono la differenza tra cotone organico, BCI, prodotti chimici usati, risparmio di acqua, ecc. Non ci sono punti di riferimento standard per calcolare la sostenibilità. Ma il consumatore è molto desideroso di capire e reagisce bene alle campagne di sostenibilità di grandi marchi come Levi's. Ma se fossimo in grado di trovare uno standard di sostenibilità rilevante da applicare universalmente, vedremmo una grande differenza nei modelli di acquisto, dato che la coscienza ambientale è sicuramente molto importante oggi. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

it_ITItalian