Revival anni '80

Tutto è iniziato a New York con i lussuosi abiti da cocktail in paillettes di Rodarte, ispirati ai ragazzi di Berlino che festeggiavano prima della caduta del muro, quando sembrava che il momento giusto per il glam anni '80 sarebbe tornato.

Il mix di colori pastosi, paillettes e pelle è apparso sulla passerella per Jeremy Scott SS17 facendo scoppiare il tappo con un'esplosione di riottoso glamour anni '80: la sartoria era stretta, le gonne erano corte, le spalle erano gonfie, la vita era stretta, i tessuti erano lucidi e la pelle era increspata, o bucata con occhielli. L'effetto complessivo era forte e lurido nel modo più lussuoso e ben eseguito.

Jeremy Scott commercia in un mondo post-pop di kitsch d'altri tempi e la sua collezione SS17 ci ha trascinato nella New York grintosa e allegra degli anni '80. Visioni di Mudd Club, AREA, Allan & Suzi's cable access show e Tama Janowitz hanno danzato nella mia testa mentre guardavo il sogno febbrile di Scott Slaves of New York stendere i suoi artigli magenta sulla passerella. "Slime City", ha chiamato la collezione Scott, senza dubbio in riferimento a un'epoca in cui la sporcizia allevava la fantasia e gli ambulanti vagavano per i moli del West Village - un'epoca in cui Jeremy o io non avremmo mai percorso le stesse strade, circondati da negozi di lusso, immaginando un'epoca inebriante morta da tempo nel cimitero di cemento di Manhattan.

- Dazed

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

it_ITItalian