Leopardo

Può essere stampato su tessuto, pelle, cavallino, qualsiasi cosa: il leopardo rimane ancora la tendenza più duratura degli ultimi anni, e anche la più reinterpretata e presentata sulle passerelle di molti designer.

Il leopardo, quello vero, fu indossato per la prima volta nel 1925 dall'attrice americana Marian Nixon, passeggiando con un leopardo vivo al guinzaglio. Più tardi, nel 1930 circa, le giacche di pelle di leopardo apparvero negli atelier di Barone Christoff von Drecoll e Jeanne Paquin. Poi, nel 1947, Christian Dior utilizzò per la prima volta il leopardo come motivo stampato per un vestito e un abito da sera nella sua collezione primavera-estate.

Nel 1951 il costumista della MGM Gilbert Adrian creò un abito in lamé leopardato. Negli stessi anni, Balmain realizzò un total look in pelliccia: indossare il leopardo era sinonimo di grande raffinatezza ed eleganza.

Negli anni '60 i mantelli leopardati si trasformarono rapidamente in piccole giacche a doppio petto o cappottini, a volte anche in pelliccia sintetica.

Dal 1964 Yves Saint Laurent, che subentrò a Christian Dior alla guida della casa di moda, continuò a usare la stampa leopardata e la inserì nella sua collezione YSL, che divenne famosa per i suoi lunghi chiffon, le giacche e l'indimenticabile cappotto con paillettes.

La stampa leopardo fu anche responsabile del successo di Roberto Cavalli negli anni '70, e fu usata in intarsi patchwork da Christian Lacroix negli anni '80. Ancora, nei primi anni '90, divenne un segno di riconoscimento di Dolce e Gabbana, poiché il leopardo è un simbolo di sensualità, di sensualità.

Usato e abusato nel corso degli anni, a volte il leopardato è stato interpretato male, con tessuti scadenti e forme volgari e per questo motivo è ora spesso considerato sexy e non chic. Ma questo non è assolutamente vero. La forza del leopardo sta nella sorpresa che crea quando viene abbinato a pezzi classici, rompendo le regole del conformismo.

Quando Hedi Slimane, lo stilista celebrato per aver portato una nuova estetica ispirata alla sottocultura musicale alla maison, ha lasciato YSL dopo tre anni e mezzo, Anthony Vaccarello, già di Versus Versace e della sua etichetta personale, ha iniziato questo nuovo capitolo come suo successore a Saint Laurent cancellando l'account Instagram della maison da ogni traccia di Slimane.

Ora, Vaccarello ha messo in scena la sua prima sfilata prêt-à-porter con tessuti come pelle, vinile, velluto, pizzo e lurex.

Per il suo debutto, sembra che Anthony Vaccarello si sia ispirato agli anni '80: c'erano spalle potenti, maniche a sbuffo, molto lamé e orecchini di bigiotteria. Un Saint Laurent più sexy di quello di Slimane, la collezione ha dimostrato l'approccio più sensuale del belga-italiano al design: la vestibilità era stretta, le gonne erano corte, e le scollature erano basse - c'era persino un capezzolo in pasta. La proliferazione di pelle e organza velata ha solo aggiunto a questo.

- Dazed

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

it_ITItalian