Via cosa?

La moda ha bisogno di essere indossata.

- Christian Lacroix

Una volta a San Francisco mi sono imbattuto in un giovane senzatetto mentre aspettavo di attraversare in un incrocio di Chinatown. Tremava di freddo o qualcosa di peggio, ma era bellissimo e giuro, avrebbe pensato la stessa cosa anche Steven Meisel.

Quando ripenso a San Francisco, al Golden Gate Bridge, ai moli alle sei del mattino e alla nebbia gelata, ricordo sempre il parka e i capelli di quel ragazzo.

Lo street style è difficile da definire, perché lo street style non è una moda. È qualcosa che accade. Lo street style è come mi vesto io e come ti vesti tu.

La moda è un processo creativo ragionato. Lo street style è un mashup di quello che facciamo ogni giorno, dei rapper che ascoltiamo nell'underground e delle serie tv che guardiamo in binge-watch invece di andare a letto presto.

Nato negli anni '60 in Inghilterra con i Beatles e le minigonne a Carnaby, riconfermato negli anni '80 nella comunità degli skater in California, lo street style continua a sfuggire agli stilisti che cercano di domarlo nelle loro collezioni, creando capi che si ispirano alla strada ma costano un colpo di pistola.

Non importa. L'era della moda ufficiale, bella e terribilmente antidemocratica, è finita. Le tendenze e il comportamento dei consumatori li rende ormai la massa elitaria, convalidandoli nel tempo.

Liberté, égalité, fraternité.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

it_ITItalian