Le migliori tendenze del 2016

Sì, il 2016 è stato un anno difficile. Molti artisti sono scomparsi - da David Bowie a George Michael, da Prince a Leonard Cohen, da Franca Sozzani a Carrie Fisher - ma l'anno scorso è stato intenso anche per altre ragioni: l'intersezione tra streetwear e moda si è evoluta in un milione di modi diversi: i ragazzi hanno scoperto le gioie dei look grungy, rock 'n' roll e hip hop, e il 2017 sarà sicuramente una continuazione di questa atmosfera.

La cosa migliore di questo mix di streetwear e alta moda è che sta sempre mutando, evolvendo e cambiando direzione.

In questi giorni sembra di vedere cambiare gusti, estetica e tendenze ogni giorno.

- Alti livelli di conoscenza

Diamo un'occhiata alle più grandi tendenze della moda del 2016

Moda post-sovietica

Londra, Parigi, Milano e New York sono considerate le capitali mondiali della moda, ma le maggiori ispirazioni del 2016 provengono incredibilmente dall'ex Unione Sovietica. Demna Gvasalia e Gosha Rubchinskiy - rispettivamente dalla Georgia e da Mosca - sono oggi due dei principali esordienti nel settore, l'uno nel campo dell'alta moda, l'altro in quello dello streetwear.

Il duo condivide un'estetica distinta che richiama il caos culturale dell'ex URSS dopo la caduta del muro di Berlino nel 1989, mescolando le subculture occidentali con le stranezze dell'era sovietica: qualcosa che è piuttosto lontano dal "buon gusto" comune, con felpe con cappuccio mega-oversize, cinture a stringa e la combinazione calzini-sopra-pantaloni.

Banda Vintage Tees

Lo streetwear sta vivendo una fase un po' rock 'n' roll in questi giorni. Abbiamo chiamato la tendenza grungewave un po' di tempo fa, e un effetto collaterale del ritrovato amore del genere per la musica chitarristica è che le t-shirt vintage delle band sono diventate un must-have per i tipi di moda, rap e streetwear.

- Alti livelli di conoscenza

Tutti i tipi di celebrità sono stati avvistati mentre indossavano magliette con accattivanti grafiche rock 'n' roll di gruppi leggendari come Nirvana, Metallica, Iron Maiden, Slayer e altri che possono o non possono aver mai ascoltato (Kendall Jenner che ascolta gli Slayer? Davvero?), solo perché sembrano malati.

Come chiunque sia cresciuto ascoltando metal, ho odiato questa tendenza. Ma, grazie a Dio, è già abbastanza morto.

Tour Merch

Non è stato solo il merch delle band vintage a spaccare l'anno scorso. Alcune delle più grandi celebrità pop e rap come Kanye West, Justin Bieber, Rihanna, Zayn Malik e Travis Scott.

Il merch di The Life of Pablo di Kanye, nel frattempo, ha preso una vita propria. I pop-up store TLOP sono apparsi in tutto il mondo, dal Sudafrica a Singapore, e i fan di Yeezy hanno gettato i loro interi conti in banca su montagne di capi base Gildan di bassa qualità e alto prezzo.

Tutti questi progetti di merch sembravano più o meno gli stessi, e questo era un po' il punto. Lo star power delle megacelebrità e i motivi di tendenza sono una combinazione inarrestabile: Kanye si è vantato di aver fatto $1 milioni in un solo giorno del suo pop-up a NYC.

- Alti livelli di conoscenza

Giacche souvenir

Le radici della giacca souvenir possono essere fatte risalire alla fine della seconda guerra mondiale, quando i soldati americani di stanza nel teatro del Pacifico ottennero motivi orientali tradizionali - draghi, geishe, gru, ecc. - ricamati sul retro delle giacche di raso da portare a casa come souvenir (capito?).

- Alti livelli di conoscenza

La giacca souvenir è tornata di nuovo in auge nel 2016, reinventata da marchi come Stussy, Supreme e Gucci: in tutti i casi, è un classico pezzo di storia dell'abbigliamento maschile, una silhouette senza tempo eseguita con tessuti lussureggianti e grafica dope.

Giacche bomber

Tecnicamente, il bomber è stato il più grande trend del 2016. Google riporta che il bomber è stato il trend più cercato dell'anno, con un aumento di 612% di ricerche rispetto al 2015.

- Alti livelli di conoscenza

Ovviamente, il bomber è un classico in ogni guardaroba maschile e femminile, ma nel 2016 è diventato mainstream proprio come una giacca di pelle o un buon paio di jeans. Il bomber è qui per restare.

E ora, non parliamo più del 2016.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

it_ITItalian