Il cotone

Tra le fibre vegetali, il cotone è di gran lunga la più diffusa.

Il nome deriva dalla parola araba katunche significa "terra conquistata". Già coltivato in India e in Perù prima del secondo millennio a.C., fu introdotto dai Saraceni in Sicilia nel IX secolo e poi in tutta Europa verso il 1300.

Considerato un prodotto esotico e difficile da filare, è stato a lungo considerato un tessuto di lusso come la seta. Famosi in Europa erano i fini tessuti di cotone indiano dipinti.

Al loro arrivo in America, gli europei trovarono nuove specie di cotone coltivate in Messico, Perù e Brasile. Le tecniche del XVIII secolo permisero di intensificare la coltivazione, in particolare nel sud degli Stati Uniti, con l'invenzione della macchina sgranatrice del cotone nel 1792. 

Oggi la coltivazione è diffusa nelle regioni tropicali e temperate calde di tutto il mondo. Le coltivazioni più grandi si trovano in Egitto, Pakistan, Sudan ed Europa dell'Est, dove crescono le migliori qualità, o in paesi con una stagione umida e una secca come gli Stati Uniti, India, Cile, Brasile.

Il cotone è di gran lunga la più importante delle fibre vegetali ed è ancora la più utilizzata nella fibra tessile.

La fibra è fatta di filamenti bianchi sottili, lunghi due o tre centimetri ottenuti dalla capsula matura della pianta del cotone. Le qualità più pregiate sono la fibra lunga, bianca, con lucentezza simile alla seta. Dopo la raccolta e la sgranatura, il cotone viene cardato e pettinato in modo da eliminare tutte le impurità. Quelle lunghe da 10 mm in su sono un'ottima materia prima per i filati; quelle più corte sono utilizzate per la fabbricazione di rayon e celluloide.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

it_ITItalian